Stefano Cantaroni

Stefano Cantaroni si definisce “Cyber manierista”, artista digitale, moderno e, al tempo stesso, legato ai temi della pittura tradizionale.

Questo giovane italo-tedesco quasi trentenne è tra i maggiori rappresentanti italiani della “Staging Photography”, l’ultima frontiera dell’arte contemporanea, in cui la pittura è a metà tra un set fotografico e l’allestimento di una scenografia teatrale.

Per esprimersi Cantaroni, al posto dei pennelli, usa strumenti informatici e digitali, in cui il soggetto è sempre se stesso, la propria immagine ripetuta in maniera ossessiva a formare dei “Tableaux vivants”. Così nella sua opera più conosciuta: “Ultima cena”.

L’amico Lucio Dalla lo ha definito “un innovatore che rivisita il neomanierismo prendendone lo spirito, in maniera colta, e utilizzando strumenti quali la fotografia, il computer, la pittura.”