Riccardo Gusmaroli (Verona, 1963)

Riccardo Gusmaroli nasce a Verona nel 1963. Da giovane si trasferisce a Milano, dove lavora come fotografo di architettura e still life. Nel 1992 inizia la sua collaborazione con la Galleria Toselli di Milano.

Nei primi lavori la fotografia è naturale, ma negli anni la sua ricerca evolve fino a rielaborare e trasformare la pellicola con segni e graffi sottili, tratti colorati che elevano l’opera bidimensionale a vera e propria scultura.

Nel corso delle sperimentazioni i materiali si fanno sempre più vari, da francobolli a cartine di “tutto città”, arricchite da onde e smussature, interventi minimi ma essenziali, che creano dal nulla “viaggi immaginari con rotte impossibili”.

I suoi Vortici, composti da barchette di carta che tracciano sulla tela rotte circolari e spirali concentriche rievocano il movimento leggero di una nave che solca il mare.

Filo conduttore delle opere di Riccardo Gusmaroli è la leggerezza, fondamentale nello studio dei pieni e dei vuoti, dei punti di luce e d’ombra.

Ha esposto in mostre importanti collettive, in spazi pubblici e privati in Italia e al‘estero: Viafarini a Milano, dove espone con Accardi e De Maria, al Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Arezzo, alla Galleria d’Arte Moderna di Torino, a Barcellona, Bruxelles e New York, presso la galleria Sperone. L’ultima personale si è tenuta nella Galleria Orler di Mestre nel 2012.